Assopiscine risponde

Viene chiesto di poter acquisire la documentazione relativa alla normativa applicabile alle piscine private (anno di costruzione 2015 Regione Veneto)

AssoPiscine 23 aprile 2020, 4:30
Domanda estesa:
Viene chiesto di poter acquisire la documentazione relativa alla normativa applicabile alle piscine private (anno di costruzione 2015 Regione Veneto)

La normativa riguardante le piscine ha avuto formalmente e sostanzialmente origine con l’Accordo Stato-Regioni del 16 gennaio 2003 “Aspetti igienico-sanitari per la costruzione, la manutenzione e la vigilanza delle piscine a uso natatorio”. Tutte le Regioni lo hanno preso in considerazione anche se, talune, si sono limitate a recepirne e valorizzare in particolare l’acclusa Tabella A contenuta nell’allegato 1 del testo concordato. Il contenuto dell’Accordo è stato altresì recuperato, ovviamente per gli aspetti di compatibilità, nella revisione della Norma UNI 10637 completata nel 2006 e confermata nell’ulteriore affinamento completato nell’aprile 2015 e, ancora, dal successivo allineamento alle norme comunitarie effettuato nel dicembre 2016.
Le citate norme comunitarie, recepite nel quadro nazionale da UNI, sono:
– la UNI EN 16582 parti 1-2-3 (pubblicata il 14 ottobre 2015) riguardante le “Piscine domestiche – Requisiti generali e specifici, inclusi i metodi di sicurezza e di prova” (menzionate nella normativa nazionale come “Piscine private”)
– la UNI EN 16713 parti 1-2-3 (pubblicata il 17 marzo 2016) riguardante le “Piscine domestiche – Sistemi di distribuzione dell’acqua, inclusi requisiti e metodi di prova (questi ultimi esclusi per il trattamento dell’acqua)”.
Premesso quanto sopra, e considerato che in Regione Veneto non risulta siano ancora state adottate norme specifiche puntuali se non quelle riguardanti il trattamento dell’acqua e i sistemi di autocontrollo (come da testo di Accordo), sono in vigore
– la Delibera della Giunta Regionale del 18.04.2003 n. 1173 che recepisce l’accordo tra Ministro della salute/Regioni/Province Autonome Trento e Bolzano del 16.01.2003 relativo agli aspetti igienico sanitari relativi a costruzione/manutenzione/vigilanza delle piscine ad uso natatorio;
– la Delibera della Giunta Regionale del 28.11.2003 n. 3583 che istituisce, presso la Direzione Regionale Prevenzione un “Comitato di progetto” col compito di elaborare, tra gli altri, una nuova disciplina regionale organica.
Pertanto, per le piscine realizzate nella Regione nel 2015, le medesime debbono rispettare, se pubbliche, la norma UNI 10637, se private, le citate norme UNI EN ancorchè le stesse siano state tradotte in lingua nazionale in date posteriori alla loro pubblicazione a livello europeo come Norme EN e, teoricamente (può essere obiettata l’ancora non avvenuta traduzione in lingua nazionale), entrate in vigore contestualmente.
Per quanto attiene alle normative menzionate, le stesse possono essere acquisite direttamente presso UNI (non essendo prodotto commerciale di vendita corrente); le modalità possono essere lette accedendo al sito “UNI Ente Italiano di Normazione – Informazioni per l’acquisto”

Disclaimer

Assopiscine precisa che le risposte ai quesiti, seppur elaborate con estrema attenzione e diligenza da parte dei Suoi professionisti, non costituiscono erogazione di consulenza professionale né legale, ma solo attività di informazione. L’Associato (il Richiedente) è quindi espressamente ed esplicitamente tenuto a non basare le proprie azioni sulle consulenze e risposte ai quesiti posti e invitato ad approfondire le questioni trattate con professionisti di Sua fiducia. Assopiscine non si assume alcuna responsabilità per eventuali problemi o danni causati dalle risposte ai quesiti e dalle consulenze fornite e neppure per le conseguenze negative che possa subire l’Associato (il Richiedente) che riferisca di essersi informato dalle risposte e/o notizie ricevute.