Assopiscine risponde

Sostituzione membrana in PVC per piscina a skimmer: deve essere convertita con bordo a sfioro?

AssoPiscine 23 aprile 2020, 4:30
Domanda estesa:
Trattasi di una piscina a skimmer in ristrutturazione, di dimensione superiore ai 100 mq, categoria A2 realizzata da circa 15 anni. Viene chiesto se la piscina, sostituendo solamente la membrana in PVC e le tubazioni, tenuto conto delle dimensioni e della categoria, deve essere convertita con bordo a sfioro in modo che rispetti la normativa UNI, oppure può essere mantenuta la tipologia skimmer.

La Norma UNI in questi casi non ha una pertinenza né diretta né indiretta; è quindi necessario fare riferimento alle normative che regionalmente hanno valore e pertinenza per il comparto piscine.
Ritenendo plausibile che l’impianto di interesse sia il regione Lombardia, la Delibera della Giunta Regionale 17 Maggio 2006 n° 8/2552 che presiede all’argomento, prevede, al capitolo Disposizioni Transitorie e Finali quanto di seguito descritto:
– la presentazione di pratiche di ristrutturazione e/o ampliamento del complesso comporta l’adeguamento alle presenti disposizioni delle sole sezioni o parti interessate ma anche:
– i requisiti dell’acqua utilizzata dovranno essere rispettati a decorrere dalla data di entrata in
vigore della presente norma;
– a decorrere dalla stessa data dovranno essere rispettati i requisiti tecnici di gestione e funzionamento.
Altra normativa regionale di una regione confinante, la regione Emilia Romagna, nell’atto deliberativo di Giunta numero 1092 del 18 luglio 2005, non risolve questo interrogativo.

Disclaimer

Assopiscine precisa che le risposte ai quesiti, seppur elaborate con estrema attenzione e diligenza da parte dei Suoi professionisti, non costituiscono erogazione di consulenza professionale né legale, ma solo attività di informazione. L’Associato (il Richiedente) è quindi espressamente ed esplicitamente tenuto a non basare le proprie azioni sulle consulenze e risposte ai quesiti posti e invitato ad approfondire le questioni trattate con professionisti di Sua fiducia. Assopiscine non si assume alcuna responsabilità per eventuali problemi o danni causati dalle risposte ai quesiti e dalle consulenze fornite e neppure per le conseguenze negative che possa subire l’Associato (il Richiedente) che riferisca di essersi informato dalle risposte e/o notizie ricevute.