Assopiscine risponde

Si può applicare l’IVA al 4% per costruzione piscina ad uso disabile?

AssoPiscine 23 aprile 2020, 4:30
Domanda estesa:
Buongiorno vorrei costruire una piscina per mio figlio disabile al 100% con legge 104 per evitare di fare 100 km almeno d'estate per fare la fisioterapia. Posso avere l’iva al 4%? Ho la certificazione del medico specialista USL che certifica la necessita di fare riabilitazione in acqua per la tetraplegia e spasticita e consiglia di eseguirla a domicilio per evitare le febbri ricorrenti in estate per patologia di assenza di compensazione termica, e barriere architettoniche e collega la piscina terapeutica alla patologia. Oltre a questo la casa è di sua proprietà come 1 casa cat. a7 e sono in corso interventi di recupero edilizio.

Risposta

Buongiorno,
allego un articolo che riassume le agevolazioni fiscali a favore dei disabili.
Come si evince non c’è una particolare agevolazione Iva per la costruzione di una piscina ad uso disabile.

Cambiando ragionamento, la costruzione di una piscina nell’ambito di una ristrutturazione non configura spesa fiscalmente detraibile in quanto non si ristruttura ma si costruisce ex novo (vedi articolo allegato).

L’agevolazione che si può sfruttare è pertanto quella che in tema di ampliamento di prima casa si sfrutti l’aliquota del 4% alle condizioni previste dalla Legge e che sintetizzo nei due articoli allegati.

 

Agevolazioni fiscali per disabili

Agevolazioni per ampliamento e ristrutturazione

Costruzione piscina successiva alla costruzione prima casa – quesito 1

Costruzione piscina successiva alla costruzione prima casa – quesito 2

Disclaimer

Assopiscine precisa che le risposte ai quesiti, seppur elaborate con estrema attenzione e diligenza da parte dei Suoi professionisti, non costituiscono erogazione di consulenza professionale né legale, ma solo attività di informazione. L’Associato (il Richiedente) è quindi espressamente ed esplicitamente tenuto a non basare le proprie azioni sulle consulenze e risposte ai quesiti posti e invitato ad approfondire le questioni trattate con professionisti di Sua fiducia. Assopiscine non si assume alcuna responsabilità per eventuali problemi o danni causati dalle risposte ai quesiti e dalle consulenze fornite e neppure per le conseguenze negative che possa subire l’Associato (il Richiedente) che riferisca di essersi informato dalle risposte e/o notizie ricevute.