Assopiscine risponde

Reverse charge – Chiarimenti in merito a manutenzioni effettuate a piscine estive di campeggi, acqua parchi ed alberghi, le cui piscine non sono fisicamente attaccate all’edificio

AssoPiscine 23 aprile 2020, 4:30
Domanda estesa:
Reverse charge - Chiarimenti in merito a manutenzioni effettuate a piscine estive di campeggi, acqua parchi ed alberghi, le cui piscine non sono fisicamente attaccate all’edificio

E’ stato chiarito che, qualora la piscina non sia fisicamente attaccata all’edificio non si applica la normativa del reverse charge e pertanto la fatturazione va fatta applicando l’Iva dovuta a seconda della prestazione effettuata.

E in caso di piscine interne ed esterne, è necessario fatturare con IVA le prime ed in reverse charge le seconde?

In merito al secondo quesito è l’opposto: per le piscine interne le manutenzioni vanno in reverse charge, mentre quelle sulle piscine esterne vanno in Iva sempre in quanto non sono assimilate ad un edificio.

Disclaimer

Assopiscine precisa che le risposte ai quesiti, seppur elaborate con estrema attenzione e diligenza da parte dei Suoi professionisti, non costituiscono erogazione di consulenza professionale né legale, ma solo attività di informazione. L’Associato (il Richiedente) è quindi espressamente ed esplicitamente tenuto a non basare le proprie azioni sulle consulenze e risposte ai quesiti posti e invitato ad approfondire le questioni trattate con professionisti di Sua fiducia. Assopiscine non si assume alcuna responsabilità per eventuali problemi o danni causati dalle risposte ai quesiti e dalle consulenze fornite e neppure per le conseguenze negative che possa subire l’Associato (il Richiedente) che riferisca di essersi informato dalle risposte e/o notizie ricevute.