Assopiscine risponde

Regione Piemonte – Esiste una nuova normativa per le piscine a uso pubblico? La progettazione delle piscine a uso privato fa riferimento alla normativa UNI 1682?

AssoPiscine 23 aprile 2020, 4:30
Domanda estesa:
Regione Piemonte - Esiste una nuova normativa per le piscine a uso pubblico? La progettazione delle piscine a uso privato fa riferimento alla normativa UNI 1682?

Relativamente ai quesiti posti si forniscono i seguenti elementi di riscontro:

1) Non risultano nuovi atti della Regione Piemonte che modifichino quanto adottato in precedenza relativamente all’Accordo S/R del 2003.
L’ultimo atto amministrativo adottato in Regione Piemonte sul tema è il Decreto del Presidente della Giunta Regionale 8 giugno 2018 numero 4/R “Regolamento regionale recante:
“Caratteristiche e modalità di gestione delle strutture ricettive extra alberghiere, requisiti tecnico-edilizi ed igienico-sanitari occorrenti al loro funzionamento, nonchè adempimenti per le locazioni turistiche (articolo 18 della legge regionale 3 agosto 2017, n. 13)”

2) La norma UNI 1682 si riferisce a “Elaborazione delle informazioni. Schede di carta perforate a 80 colonne. Dimensioni e posizione delle perforazioni rettangolari.” risalente al 1982.
Per quanto concerne la costruzione di piscine private, bisogna capire cosa si intende; se le piscine sono private ma ad uso pubblico dovrà essere applicata la UNI 10637, se le piscine sono da intendersi per un utilizzo domestico dovranno essere utilizzate le UNI EN 16582 parte 1, 2 e 3 e le UNI EN 16713 parte 1, 2 e 3.

Disclaimer

Assopiscine precisa che le risposte ai quesiti, seppur elaborate con estrema attenzione e diligenza da parte dei Suoi professionisti, non costituiscono erogazione di consulenza professionale né legale, ma solo attività di informazione. L’Associato (il Richiedente) è quindi espressamente ed esplicitamente tenuto a non basare le proprie azioni sulle consulenze e risposte ai quesiti posti e invitato ad approfondire le questioni trattate con professionisti di Sua fiducia. Assopiscine non si assume alcuna responsabilità per eventuali problemi o danni causati dalle risposte ai quesiti e dalle consulenze fornite e neppure per le conseguenze negative che possa subire l’Associato (il Richiedente) che riferisca di essersi informato dalle risposte e/o notizie ricevute.