Assopiscine risponde

Quali sono le normative per il ricambio acqua per piscina che verrà costruita in Francia?

AssoPiscine 23 aprile 2020, 4:30
Domanda estesa:
È in fase di realizzazione il progetto di una piscina destinata ad utilizzo pubblico in località La Turbie (Francia). Applicando le normative in essere in Italia, è stato previsto un ricambio di acqua pari al 5% del volume di circa m3 400, e considerando 30 litri di acqua per bagnante. La Committenza francese ritiene non necessario, anzi praticamente inutile, tale ricambio d’acqua. Viene chiesta una valutazione in merito.

Prescindendo da ogni tipologia di considerazione formulata sulle normative in vigore a livello europeo e nazionali (nella fattispecie quelle europee), è evidente che le stesse debbono essere rispettate e, pertanto, le osservazioni formulate sono attinenti alle disposizioni normative francesi.
È comunque da evidenziare che la normativa in vigore in Italia (paese UE come la Francia) prevede il ricambio d’acqua al 5% o i 30 litri a persona. fattispecie quelle problemi o danni causati dalle risposte ai quesiti e dalle consulenze fornite e neppure per le conseguenze negative che possa subire il Richiedente che riferisca di essersi informato dalle risposte e/o eventuali problemi o danni causati dalle risposte ai quesiti e dalle consulenze fornite e neppure per le conseguenze negative che possa subire il Richiedente che riferisca di essersi informato dalle risposte e/o notizie ricevute.

Disclaimer

Assopiscine precisa che le risposte ai quesiti, seppur elaborate con estrema attenzione e diligenza da parte dei Suoi professionisti, non costituiscono erogazione di consulenza professionale né legale, ma solo attività di informazione. L’Associato (il Richiedente) è quindi espressamente ed esplicitamente tenuto a non basare le proprie azioni sulle consulenze e risposte ai quesiti posti e invitato ad approfondire le questioni trattate con professionisti di Sua fiducia. Assopiscine non si assume alcuna responsabilità per eventuali problemi o danni causati dalle risposte ai quesiti e dalle consulenze fornite e neppure per le conseguenze negative che possa subire l’Associato (il Richiedente) che riferisca di essersi informato dalle risposte e/o notizie ricevute.