Assopiscine risponde

Quali sono i requisiti legali necessari per l’affidamento a terzi della manutenzione di una piscina?

AssoPiscine 23 aprile 2020, 4:30
Domanda estesa:
Quali sono i requisiti legali necessari per l'affidamento a terzi della manutenzione di una piscina?

Mancando la precisazione se trattasi di ambito pubblico, per il quale il subappalto è ben disciplinato e dipende sostanzialmente dal bando di appalto medesimo che ne determina fattibilità e modalità, oppure di ambito privato, viene optato per questa seconda condizione.
Va chiarito preliminarmente che, relativamente alla locuzione “servizi di manutenzione piscine”, essendo la stessa piuttosto generica, meglio sarebbe stato poterla tarare sul concreto servizio prestato e sulla reale piscina presa in considerazione. Dal punto di vista strettamente giuridico è fondamentale sapere se il contratto stipulato tra il committente e l’appaltatore preveda o meno il divieto di subappaltare, e che quindi, quando il subappalto non è vietato dal contratto stipulato con il committente, esso è possibile; tale meccanismo è da comunicare al cliente verificando il DURC e facendo redigere il POS anche al subappaltatore. Dal punto di vista fiscale il subappalto di servizi di manutenzione va fatturato con Iva ordinaria. Dal punto di vista previdenziale il soggetto artigiano avendo una sua specifica posizione, non pare vi siano particolari responsabilità dell’appaltante una volta che ha ottenuto l’attestato di regolarità contributiva del soggetto a cui subappalta il servizio di manutenzione.

Disclaimer

Assopiscine precisa che le risposte ai quesiti, seppur elaborate con estrema attenzione e diligenza da parte dei Suoi professionisti, non costituiscono erogazione di consulenza professionale né legale, ma solo attività di informazione. L’Associato (il Richiedente) è quindi espressamente ed esplicitamente tenuto a non basare le proprie azioni sulle consulenze e risposte ai quesiti posti e invitato ad approfondire le questioni trattate con professionisti di Sua fiducia. Assopiscine non si assume alcuna responsabilità per eventuali problemi o danni causati dalle risposte ai quesiti e dalle consulenze fornite e neppure per le conseguenze negative che possa subire l’Associato (il Richiedente) che riferisca di essersi informato dalle risposte e/o notizie ricevute.