Assopiscine risponde

Quali sono gli obblighi per la fruizione di piscina con trampolino all’interno di in un residence?

AssoPiscine 23 aprile 2020, 4:30
Domanda estesa:
Un residence formato da 24 unità è dotato di una piscina con trampolino, di dimensione 19x9 metri e profondità di 1,20 e 2,20 metri nella zona trampolino. Viene chiesto quali obblighi sussistono per la fruizione (esempio responsabile piscina, bagnino...).

Risposta

Premesso che la piscina – applicando l’Accordo S/R del 16 gennaio 2003 sugli aspetti igienico sanitari per la costruzione, la manutenzione e la vigilanza delle piscine ad uso natatorio – rientra tra gli impianti la cui natura giuridica è definita dagli articoli 1117 e seguenti del codice civile, destinate esclusivamente agli abitanti del complesso abitativo e ai loro ospiti.
Il citato Accordo, al punto 4, prevede che ogni impianto sia opportunamente dotato di personale, di attrezzature e materiali.
Il titolare dell’impianto deve individuare i soggetti responsabili dell’igiene, della sicurezza degli impianti e dei bagnanti e della funzionalità della piscina.
Le relative figure professionali sono individuate dalle regioni.
L’assistente bagnanti abilitato alle operazioni di salvataggio e di primo soccorso ai sensi della normativa vigente, …
In ogni piscina dovrà essere assicurata la presenza continua di assistenti bagnanti.
Al punto 6 del citato Accordo viene esplicitamente espresso il concetto che ogni piscina deve essere gestita da un responsabile che ha il compito di garantire la corretta gestione della piscina attraverso tutti gli elementi funzionali del complesso che concorrono alla sicurezza della piscina nel rispetto delle indicazioni che l’Accordo dettaglia.
Tutto quanto sopra esposto, è doveroso precisare che in Regione Lombardia è vigente la DGR 17 maggio 2006 numero 8/2552 (BUR numero 23 del 5 giugno 2006 – estratto dalla Serie Ordinaria) “Requisiti per la costruzione, la manutenzione, la gestione, il controllo e la sicurezza, ai fini igienico-sanitari, delle piscine natatorie”.

L’Allegato C “Caratteristiche delle piscine condominiali” alla delibera prevede quanto segue:

a) Il titolare dell’impianto (Responsabile) è l’amministratore; se non previsto dal Codice Civile, sono responsabili della piscina i condomini; il titolare dell’impianto deve provvedere:
– alla redazione di un piano di autocontrollo;
– alla nomina dell’addetto agli impianti tecnologici.
b) L’addetto agli impianti tecnologici deve possedere competenza tecnica specifica nella gestione e manutenzione degli impianti di una piscina, incluse le abilitazioni specifiche di legge, ove necessarie.
c) Il titolare dell’impianto deve provvedere ad identificare l’eventuale necessità di vigilanza o assistenza bagnanti, nonché le modalità con cui può essere espletato detto servizio; il servizio di assistenza bagnanti deve, comunque essere previsto qualora il volume totale delle vasche sia> 300 mc e/o la profondità sia > 1,40.metri.

Disclaimer

Assopiscine precisa che le risposte ai quesiti, seppur elaborate con estrema attenzione e diligenza da parte dei Suoi professionisti, non costituiscono erogazione di consulenza professionale né legale, ma solo attività di informazione. L’Associato (il Richiedente) è quindi espressamente ed esplicitamente tenuto a non basare le proprie azioni sulle consulenze e risposte ai quesiti posti e invitato ad approfondire le questioni trattate con professionisti di Sua fiducia. Assopiscine non si assume alcuna responsabilità per eventuali problemi o danni causati dalle risposte ai quesiti e dalle consulenze fornite e neppure per le conseguenze negative che possa subire l’Associato (il Richiedente) che riferisca di essersi informato dalle risposte e/o notizie ricevute.