Assopiscine risponde

Quali sono gli obblighi di un Amministratore Condominiale (in Lombardia) in presenza di una piscina condominiale e qual è la differenza tra Documento di Valutazione dei Rischi e Piano di autocontrollo?

AssoPiscine 23 aprile 2020, 4:30
Domanda estesa:
Quali sono gli obblighi di un Amministratore Condominiale (in Lombardia) in presenza di una piscina condominiale e qual è la differenza tra Documento di Valutazione dei Rischi e Piano di autocontrollo?

Il corretto funzionamento dell’impianto sotto il profilo gestionale, tecnologico e organizzativo, prevede che siano rispettati i requisiti igienico-ambientali, fisici, chimici e microbiologici, nonché sia assicurata la corretta esecuzione delle procedure di autocontrollo, la pulizia e disinfezione e sia rispettato il piano di sicurezza. Il piano di sicurezza è la diretta derivazione della complessiva valutazione dei rischi che possono essere presenti in un impianto piscina ed è la testimonianza di aver correttamente svolto una indagine conoscitiva che ha esaminato tutti i possibili rischi nei quali può incorrere sia l’operatore che l’utente. Il documento obbligatorio che fotografa gli esiti dell’indagine e fornisce indicazioni per gli eventuali rimedi è il Piano di autocontrollo che deve essere sottoposto a verifica e contenere indicazioni per il buon funzionamento degli impianti. Premesso quanto sopra, non può essere oggettivamente fatta una separazione sostanziale tra DVR per piscine condominiali e piscine di altra tipologia; casomai la distinzione è formale in quanto per le prime il DVR può conformarsi al Piano di autocontrollo mentre per le seconde il DVR sarà un documento distinto e più specifico rispetto a quello del Piano e di autocontrollo.

Disclaimer

Assopiscine precisa che le risposte ai quesiti, seppur elaborate con estrema attenzione e diligenza da parte dei Suoi professionisti, non costituiscono erogazione di consulenza professionale né legale, ma solo attività di informazione. L’Associato (il Richiedente) è quindi espressamente ed esplicitamente tenuto a non basare le proprie azioni sulle consulenze e risposte ai quesiti posti e invitato ad approfondire le questioni trattate con professionisti di Sua fiducia. Assopiscine non si assume alcuna responsabilità per eventuali problemi o danni causati dalle risposte ai quesiti e dalle consulenze fornite e neppure per le conseguenze negative che possa subire l’Associato (il Richiedente) che riferisca di essersi informato dalle risposte e/o notizie ricevute.