Assopiscine risponde

Quali carichi devono essere presi in considerazione per un trampolino di tipo 2 di 231 cm di altezza?

AssoPiscine 23 aprile 2020, 4:30
Domanda estesa:
Un trampolino di 231 cm di altezza in una piscina è attualmente in verifica (trampolino tipo 2). Viene chiesto quali carichi debbono essere presi in considerazione. Visionando le norme UNI EN 13451-10 e UNI EN 13451-1 non è chiaro se la verifica debba essere fatta attraverso una prova di carico dinamica con un carico da 2000 N lasciato cadere da 4000 mm o si possa fare una verifica sulla struttura impiegando i carichi statici equivalenti della UNI EN 13451-1.

Sulla base di quanto esposto e tenendo conto dell’altezza del trampolino indicata nel quesito, che si ritiene sia la distanza del medesimo dal pelo libero dell’acqua, osservando le definizioni riportate nella norma EN 13451-10, la tipologia di trampolino rientra nel Tipo 1 (distanza compresa tra 1 m e 3,05 m; il Tipo 2 indica una altezza inferiore a 1 m).
Considerato che la premessa della norma EN 13451-10 specifica i requisiti di sicurezza per i trampolini di immersione e per le relative attrezzature e che i medesimi devono essere messi in relazione con i requisiti generali di sicurezza della norma EN 13451-1, occorre avere presente che i requisiti della EN 13451-10 hanno la priorità su quelli della EN 13451-1; pertanto, a prescindere dal tipo di trampolino la prova dovrà essere di tipo dinamico.
In relazione alla tipologia realizzativa la prova di tipo dinamico dovrà osservare quanto contenuto al punto 5.2.1 o, viceversa, al punto 5.2.2.

Disclaimer

Assopiscine precisa che le risposte ai quesiti, seppur elaborate con estrema attenzione e diligenza da parte dei Suoi professionisti, non costituiscono erogazione di consulenza professionale né legale, ma solo attività di informazione. L’Associato (il Richiedente) è quindi espressamente ed esplicitamente tenuto a non basare le proprie azioni sulle consulenze e risposte ai quesiti posti e invitato ad approfondire le questioni trattate con professionisti di Sua fiducia. Assopiscine non si assume alcuna responsabilità per eventuali problemi o danni causati dalle risposte ai quesiti e dalle consulenze fornite e neppure per le conseguenze negative che possa subire l’Associato (il Richiedente) che riferisca di essersi informato dalle risposte e/o notizie ricevute.