Assopiscine risponde

Piscina in residence con appartamenti affittati con formula Bed & Breakfast: quali sono le responsabilità in merito all’utilizzo della piscina da parte degli ospiti?

AssoPiscine 23 aprile 2020, 4:30
Domanda estesa:
Piscina in residence con appartamenti affittati con formula Bed & Breakfast: quali sono le responsabilità in merito all'utilizzo della piscina da parte degli ospiti?

Prescindendo dalla forma commerciale di utilizzo degli alloggi, gli occupanti di quelli utilizzati con la formula “notte + colazione” sono da considerare come ospiti occasionali del proprietario vedi tabella 1); come tali debbono rispettare i comportamenti che il proprietario è tenuto ad osservare.

Qualora gli ospiti dovessero essere regolarmente registrati come tali, il gruppo di alloggi interessati si configura come attività piscina di proprietà privata destinata ad una utenza pubblica (Tabella 2).

Questa seconda classificazione determina una minore flessibilità nelle condizioni di utilizzo infatti la collocazione della stessa nel Gruppo a2 – Tipo A2 determina maggiori vincoli rispetto alla condominiale. La proprietà degli alloggi destinati ad ospitalità retribuita rende responsabile (corresponsabile con gli altri condomini) il titolare dei medesimi, come se fosse un “albergatore”.
Nel regolamento interno della piscina possono essere inserite clausole puntuali per garantire il diritto alla fruizione della piscina da parte degli ospiti ma anche per il rispetto, da parte loro, delle prerogative dei Condomini.

Disclaimer

Assopiscine precisa che le risposte ai quesiti, seppur elaborate con estrema attenzione e diligenza da parte dei Suoi professionisti, non costituiscono erogazione di consulenza professionale né legale, ma solo attività di informazione. L’Associato (il Richiedente) è quindi espressamente ed esplicitamente tenuto a non basare le proprie azioni sulle consulenze e risposte ai quesiti posti e invitato ad approfondire le questioni trattate con professionisti di Sua fiducia. Assopiscine non si assume alcuna responsabilità per eventuali problemi o danni causati dalle risposte ai quesiti e dalle consulenze fornite e neppure per le conseguenze negative che possa subire l’Associato (il Richiedente) che riferisca di essersi informato dalle risposte e/o notizie ricevute.