Assopiscine risponde

Piscina a skimmer che non supera i 100mq tipo A2 – B & B con numero di ospiti da 6 a 10

AssoPiscine 23 aprile 2020, 4:30
Domanda estesa:
Buongiorno, con la presente chiediamo cortesemente di ricevere con urgenza le seguenti informazioni, in quanto siamo in trattativa: Piscina a skimmer che non supera i 100mq tipo A2 - B & B con numero di ospiti da 6 a 10; il nostro quesito è: - c'è possibilità di utilizzare un fotometro manuale? - c'è possibilità di utilizzare lo sterilizzatore a sale uso A2? - come possiamo effettuare lo scarico? in sub-irrigazione? nella zona non è presente la rete fognante. Restiamo in attesa di ricevere quanto richiesto.

Risposta

La legge n° 35 del 15 dicembre n° 2008 della Regione Puglia,disciplina le condizioni igienico-sanitaria delle piscine a uso natatorio ed identifica la piscina, oggetto del quesito, all’art. 5 categoria “A”, gruppo A2 inserita nelle attività ricettive turistiche e agrituristiche, mentre per la classificazione in base all’utilizzo,all’art. 7siamo in presenza di una vasca di tipo “C”.

Con queste caratteristiche e classificazioni all’ art.11 al comma 3, la normativa dà precise indicazioni per i requisiti strutturali e impiantisticifacendo riferimento alla norma UNI 10637/2006.

Quesito A)​ c’è possibilità di utilizzare un fotometro manuale?

L’utilizzo di un fotometro manuale per la determinazione dei parametri analitici indicati nell’allegato 1 della tabella A dell’accordo 16 gennaio 2003, è consigliabile, sia per la precisione dei risultati rilevati, che per un controllo e taratura delle apparecchiature automatiche di dosaggio del cloro e della soluzione acidificante, nonché per la corretta compilazione delle schede inserite nel manuale di autocontrollo.

Quesito B) ​c’è possibilità di utilizzare lo sterilizzatore a sale uso A2?

In via di principio la riposta è affermativa, anche se oltre allo sterilizzatore a sale si deve predisporre di un impianto di dosaggio automatico che permetta di rispettare i valori indicati nell’allegato 1 della tabella A dell’accordo 16 gennaio 2003. L’utilizzo dell’impianto di dosaggio automatico di tutti i prodotti immersi nell’acqua della piscina è indicato nella norma UNI 10637/2006 al punto 5.5.3

Quesito C)​ come possiamo effettuare lo scarico? ​​in sub-irrigazione? nella zona non è presente la rete fognante.

La normativa sugli scarichi è disciplinata dal Regolamento Regione Puglia del 12 dicembre 2011, n. 26 avente come titolo “Disciplina degli scarichi di acque reflue domestiche o assimilate alle domestiche di insediamenti di consistenza inferiore ai 2.000 A.E., ad esclusione degli scarichi già regolamentati dal S.I.I.“

Premesso che qualsiasi tipo di scarico deve essere preventivamente autorizzato, nel caso specifico, all’art. 3 del regolamento sopra citato, indica che gli scarichi della piscinaalla lettera “m” sono assimilabili agli scarichi domestici a condizione che, per lo svuotamento parziale o totale e le acquedi contro lavaggio, siano preventivamente trattate. Pertanto si possono scaricare anche sul suolo (pozzo assorbente o sub irrigazione), con l’obbligodel rispettodei trattamenti, dei limiti e le prescrizioni indicate nel sia nel regolamento che negliallegati.

Commissione Tecnica Assopiscine

Disclaimer

Assopiscine precisa che le risposte ai quesiti, seppur elaborate con estrema attenzione e diligenza da parte dei Suoi professionisti, non costituiscono erogazione di consulenza professionale né legale, ma solo attività di informazione. L’Associato (il Richiedente) è quindi espressamente ed esplicitamente tenuto a non basare le proprie azioni sulle consulenze e risposte ai quesiti posti e invitato ad approfondire le questioni trattate con professionisti di Sua fiducia. Assopiscine non si assume alcuna responsabilità per eventuali problemi o danni causati dalle risposte ai quesiti e dalle consulenze fornite e neppure per le conseguenze negative che possa subire l’Associato (il Richiedente) che riferisca di essersi informato dalle risposte e/o notizie ricevute.