Assopiscine risponde

Per la Regione Veneto è stato fatto un accordo Stato/Regioni o è stata adottata una nuova legge in merito alla costruzione e manutenzione delle piscine?

AssoPiscine 23 aprile 2020, 4:30
Domanda estesa:
Per la Regione Veneto è stato fatto un accordo Stato/Regioni o è stata adottata una nuova legge in merito alla costruzione e manutenzione delle piscine?

In data odierna (30 giugno 2016) si chiudono i termini per la partecipazione – tramite questionario – all’indagine pubblica attivata dal Ministero della Salute (della quale Assopiscine ha dato notizia e ha invitato a partecipare con apposita news riportata nel sito web della medesima), riguardante lo “SCHEMA DI ACCORDO RIGUARDANTE I REQUISITI IGIENICO SANITARI DELLE PISCINE AD USO NATATORIO” che interviene su parte dei contenuti dell’Allegato A all’Accordo del 2003.

Ciò premesso, si conferma che allo stato attuale della normativa in materia di piscine, nessun nuovo Accordo – che ha valenza nazionale come tutti gli atti della Conferenza Stato/Regioni – oltre a quello del 2003, è stato ad oggi convenuto.

A titolo di memoria si evidenzia che è tuttora vigente anche l’Accordo Interregionale del 2004 stipulato dai Presidenti delle Regioni.

Relativamente alla presenza in Regione Veneto di leggi regionali, si evidenzia che lo stato attuale della normativa consiste in atti deliberativi della Giunta Regionale del Veneto adottati negli anni precedenti e in conseguenti provvedimenti di applicazione predisposti dalle ASL competenti per territorio o dalla struttura competente.

Disclaimer

Assopiscine precisa che le risposte ai quesiti, seppur elaborate con estrema attenzione e diligenza da parte dei Suoi professionisti, non costituiscono erogazione di consulenza professionale né legale, ma solo attività di informazione. L’Associato (il Richiedente) è quindi espressamente ed esplicitamente tenuto a non basare le proprie azioni sulle consulenze e risposte ai quesiti posti e invitato ad approfondire le questioni trattate con professionisti di Sua fiducia. Assopiscine non si assume alcuna responsabilità per eventuali problemi o danni causati dalle risposte ai quesiti e dalle consulenze fornite e neppure per le conseguenze negative che possa subire l’Associato (il Richiedente) che riferisca di essersi informato dalle risposte e/o notizie ricevute.