Assopiscine risponde

Normative vigenti per la realizzazione di piscine ad uso pubblico

AssoPiscine 23 aprile 2020, 4:30
Domanda estesa:
Ricerchiamo le normative vigenti per la realizzazione di piscine ad uso pubblico, con indicazioni su com'è la costruzione della vasca, depurazione delle acque, ecc. Potete informarmi di quali normative tenere in considerazione, se le normative sono nazionali o se esistono normative regionali?

I riferimenti legislativi per la realizzazione di piscine ad uso pubblico sono gli atti regionali discendenti dal recepimento dell’Accordo stato regioni del 16 gennaio 2003 da parte della Regionedi realizzazione dell’impianto,.
Al seguente link può verificare le disposizioni vigenti per Regione italiana: https://www.assopiscine.it/norme-e-regolamenti/delibere-e-leggi-regionali/
Per quanto riguarda l’aspetto normativo tecnico le norme applicabili sono:
– UNI 10637:2016 “Requisiti degli impianti di circolazione, filtrazione, disinfezione e
trattamento chimico dell’acqua di piscina”
– UNI EN 15288-1:2019 “Piscine per utilizzo pubblico – Parte 1: Requisiti di sicurezza per la
progettazione”
– UNI EN 13451 – X (x= da 1 a 11 escluso il 9) : Attrezzature per piscine
Se del caso, sono da considerare anche:
– DM 18/03/96 e s.m.i. Norme di sicurezza per la costruzione e l’esercizio degli impianti sportivi
– Norme CONI per l’impiantistica sportiva Del. CN del CONI n° 1379 del 25/06/2008

Disclaimer

Assopiscine precisa che le risposte ai quesiti, seppur elaborate con estrema attenzione e diligenza da parte dei Suoi professionisti, non costituiscono erogazione di consulenza professionale né legale, ma solo attività di informazione. L’Associato (il Richiedente) è quindi espressamente ed esplicitamente tenuto a non basare le proprie azioni sulle consulenze e risposte ai quesiti posti e invitato ad approfondire le questioni trattate con professionisti di Sua fiducia. Assopiscine non si assume alcuna responsabilità per eventuali problemi o danni causati dalle risposte ai quesiti e dalle consulenze fornite e neppure per le conseguenze negative che possa subire l’Associato (il Richiedente) che riferisca di essersi informato dalle risposte e/o notizie ricevute.