Assopiscine risponde

Normativa per il funzionamento delle pompe di riciclo acqua nelle piscine condominiali

AssoPiscine 23 aprile 2020, 4:30
Domanda estesa:
Abito in un condominio con piscina condominiale locato ad Est di Milano, l'attuale conduttore della piscina mantiene le pompe di riciclo acqua accese anche la notte con un dispendio di forte energia elettrica. La piscina contiene 200mc di acqua e ci sono tre pompe funzionanti in parallelo con una potenza cadauna di 1,5Kw ed una portata cadauna di 17mc/ora Praticamente in 4 ore si ha il ricambio dell'acqua. Siccome la piscina è aperta dalle ore 10 alle ore 20, io sostengo che le pompe debbono funzionare dalle ore 06 del mattino fino alle ore 20. Vi chiedo gentilmente se esistono  delle normative ufficiali per avvalorare la mia tesi.

La norma UNI 10637:2016, richiamata dalla D.g.r. 17 maggio 2006 – n. 8/2552, prevede il funzionamento in continuo nelle 24 ore degli impianti di trattamento acqua, anche per le piscine condominiali, indipendentemente dal volume della piscina e dai tempi di ricircolo garantiti dall’impianto stesso.
In fase di autocontrollo, il gestore della piscina, può prevedere che nei periodi di non utilizzo si possa intervenire sulle pompe raddoppiando i tempi di ricircolo mantenendo però operativi tutti i filtri. Questo può essere fatto solo se si riescono a rispettare i valori dell’acqua di vasca previsti dalla normativa vigente (D.g.r. 17 maggio 2006 – n. 8/2552 – Allegato D).

Disclaimer

Assopiscine precisa che le risposte ai quesiti, seppur elaborate con estrema attenzione e diligenza da parte dei Suoi professionisti, non costituiscono erogazione di consulenza professionale né legale, ma solo attività di informazione. L’Associato (il Richiedente) è quindi espressamente ed esplicitamente tenuto a non basare le proprie azioni sulle consulenze e risposte ai quesiti posti e invitato ad approfondire le questioni trattate con professionisti di Sua fiducia. Assopiscine non si assume alcuna responsabilità per eventuali problemi o danni causati dalle risposte ai quesiti e dalle consulenze fornite e neppure per le conseguenze negative che possa subire l’Associato (il Richiedente) che riferisca di essersi informato dalle risposte e/o notizie ricevute.