Assopiscine risponde

Esiste una normativa circa i trampolini per le piscine private?

AssoPiscine 23 aprile 2020, 4:30
Domanda estesa:
Esiste una normativa circa i trampolini per le piscine private?

La norma UNI EN 13451-10 Attrezzature per piscine, requisiti aggiuntivi specifici di sicurezza e metodi di prova per piattaforme e trampolini per i tuffi e relative attrezzature, stabilisce e definisce i requisiti dei trampolini certificati.

Essa prevede due distinte tipologie di trampolini fissandone le dimensioni in metri delle aree di utilizzo e delle dimensioni minime della struttura del trampolino.

Le due tipologie sono individuate come Tipo 1 e Tipo 2 e ciascuna deve essere progettata per sopportare specifici carichi.

Confermando quindi che la certificazione di resistenza al peso deve essere rilasciata dal costruttore sulla base degli elementi costitutivi (o con i riferimenti alla citata norma UNI EN 13451-10, o con i metodi di calcolo utilizzati da ritenersi comunque equivalenti) si precisa che quanto normato deve soddisfare i seguenti requisiti:

Tipo 1 – il gruppo trampolino deve essere progettato per sopportare un carico dinamico determinato da una massa di 2000 N che cade da una altezza di 4000 mm.
L’installazione deve essere contenuta entro una altezza compresa tra 1 metro e 3,05 metri (comprese le tolleranze);
Tipo 2 – il gruppo trampolino deve essere progettato per sopportare un carico dinamico determinato da una massa di 2000 N che cade da una altezza di 1000 mm;
(l’equivalenza è 9,81 N = 1 kg).

Disclaimer

Assopiscine precisa che le risposte ai quesiti, seppur elaborate con estrema attenzione e diligenza da parte dei Suoi professionisti, non costituiscono erogazione di consulenza professionale né legale, ma solo attività di informazione. L’Associato (il Richiedente) è quindi espressamente ed esplicitamente tenuto a non basare le proprie azioni sulle consulenze e risposte ai quesiti posti e invitato ad approfondire le questioni trattate con professionisti di Sua fiducia. Assopiscine non si assume alcuna responsabilità per eventuali problemi o danni causati dalle risposte ai quesiti e dalle consulenze fornite e neppure per le conseguenze negative che possa subire l’Associato (il Richiedente) che riferisca di essersi informato dalle risposte e/o notizie ricevute.