Assopiscine risponde

E’ necessario partecipare alla seconda sessione di formazione per essere Certificati nel lavoro in ambiente confinato?

AssoPiscine 23 aprile 2020, 4:30
Domanda estesa:
E' necessario partecipare alla seconda sessione di formazione per essere Certificati nel lavoro in ambiente confinato?

Il D.P.R. 177/2011 all’articolo 2 comma 1 lettera d) prevede lo svolgimento di attività di formazione e informazione con riferimento alle normative e alle disposizioni da osservare; la formazione in questione è specificamente mirata alla conoscenza dei fattori di rischio propri dell’attività.
Nelle note esplicative ai contenuti del Decreto viene specificato che la formazione deve obbligatoriamente svolgersi in specifici momenti legati all’attività lavorativa e che detta formazione debba comunque essere periodicamente ripresa e ripetuta in relazione all’evoluzione dei rischi o all’insorgenza di nuovi rischi, nonché al progressivo approfondimento – per meglio comprenderli e gestirli – dei rischi conosciuti.
Analogamente i dirigenti e preposti devono ricevere adeguato e specifico aggiornamento periodico in relazione ai propri compiti in materia di salute e sicurezza del lavoro.
Quanto sopra integra la fattispecie dell’Aggiornamento periodico reso obbligatorio in quanto correlato all’applicazione dei contenuti dell’Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011.

Disclaimer

Assopiscine precisa che le risposte ai quesiti, seppur elaborate con estrema attenzione e diligenza da parte dei Suoi professionisti, non costituiscono erogazione di consulenza professionale né legale, ma solo attività di informazione. L’Associato (il Richiedente) è quindi espressamente ed esplicitamente tenuto a non basare le proprie azioni sulle consulenze e risposte ai quesiti posti e invitato ad approfondire le questioni trattate con professionisti di Sua fiducia. Assopiscine non si assume alcuna responsabilità per eventuali problemi o danni causati dalle risposte ai quesiti e dalle consulenze fornite e neppure per le conseguenze negative che possa subire l’Associato (il Richiedente) che riferisca di essersi informato dalle risposte e/o notizie ricevute.