Assopiscine risponde

E’ necessario l’assistente bagnanti per piscina in struttura agrituristica?

AssoPiscine 23 aprile 2020, 4:30
Domanda estesa:
Una struttura agrituristica (circa 20 camere) intende realizzare una piscina a fondo piatto (profondità ml. 1.20) dimensione superficiale massima mq 50.00; è necessario l’assistente bagnanti?

Risposta

L’Accordo S/R/PA del 16.1.2003 sulle piscine al punto 9.1 recita:
“Si conviene che, per le piscine delle strutture turistico-ricettive, campeggi e villaggi turistici, nonché piscine delle aziende agrituristiche a disposizione esclusiva degli alloggiati, le Regioni, con propri atti, potranno individuare peculiari modalità applicative nel rispetto delle esigenze di igiene e sanità pubblica.”
La successiva Disciplina Interregionale delle piscine, in attuazione dell’Accordo S/R/PA del 16 gennaio 2003 adottato con Accordo tra le Regioni dalla Conferenza dei Presidenti il 16 dicembre 2004, prevede al punto 4bis “Dotazioni di personale” che – ai fini dell’igiene, della sicurezza e della funzionalità delle piscine, devono essere individuate, ai sensi dell’Accordo, le figure …… assistente bagnante.
L’assistente bagnanti, abilitato alle operazioni di salvataggio e di primo soccorso, vigila sulle attività che si svolgono in vasca e negli spazi perimetrali intorno ad essa; deve essere presente a bordo vasca in numero proporzionale al numero e alle caratteristiche delle vasche e al numero dei bagnanti secondo quanto stabilito dalle disposizioni regionali; la presenza deve essere assicurata in modo continuativo durante tutto l’orario di funzionamento della piscina.

ciò le varie realtà regionali hanno operato in modo autonomo e variegato; non esiste pertanto un comportamento standard cui fare riferimento.
L’indicazione che si fornisce è di contattare, ogniqualvolta la problematica si presenta, l’ASL competente per territorio con la quale chiarire se, da parte loro, viene posto o meno il vincolo alla presenza dell’Assistente bagnante.

Disclaimer

Assopiscine precisa che le risposte ai quesiti, seppur elaborate con estrema attenzione e diligenza da parte dei Suoi professionisti, non costituiscono erogazione di consulenza professionale né legale, ma solo attività di informazione. L’Associato (il Richiedente) è quindi espressamente ed esplicitamente tenuto a non basare le proprie azioni sulle consulenze e risposte ai quesiti posti e invitato ad approfondire le questioni trattate con professionisti di Sua fiducia. Assopiscine non si assume alcuna responsabilità per eventuali problemi o danni causati dalle risposte ai quesiti e dalle consulenze fornite e neppure per le conseguenze negative che possa subire l’Associato (il Richiedente) che riferisca di essersi informato dalle risposte e/o notizie ricevute.