Assopiscine risponde

Dosaggio cloro piscina in impianto pubblico (Golf Club in Piemonte): con centralina automatica o con pastiglie?

AssoPiscine 23 aprile 2020, 4:30
Domanda estesa:
Dosaggio cloro piscina in impianto pubblico (Golf Club in Piemonte): con centralina automatica o con pastiglie?

Sul territorio della Regione Piemonte non vi sono obblighi particolari o definiti.
Trattandosi di un impianto pubblico è però possibile che la ASL (competente per territorio) a maggiore tranquillità dell’utenza, ritenga opportuna se non necessaria una centralina automatica.
Deve però essere evidenziato che, al punto 5.3.3 “Impianti di dosaggio di sostanza a base di cloro” della Norma UNI 10637 editata nell’aprile 2015, viene testualmente indicato “Durante i periodi di apertura al pubblico delle piscine di tipo A (piscine pubbliche o private, aperte al pubblico o ad una utenza identificabile…) non è ammessa l’immissione diretta in vasca o in punti accessibili agli utenti delle sostanze a base di cloro. L’immissione nell’impianto di circolazione deve avvenire unicamente in soluzione, preparata automaticamente o manualmente, per mezzo degli impianti di dosaggio.
Gli impianti di dosaggio devono essere interbloccati con quello di circolazione, in modo da evitare l’immissione di prodotti quando non vi sia flusso d’acqua in quest’ultimo.
L’immissione diretta in vasca è consentita solamente per trattamenti straordinari effettuati durante i periodi di chiusura al pubblico.

Per le piscine di tipo A, i serbatoi, i dosatori a lambimento, devono essere posti in locale separato da quello degli impianti di filtrazione…

Disclaimer

Assopiscine precisa che le risposte ai quesiti, seppur elaborate con estrema attenzione e diligenza da parte dei Suoi professionisti, non costituiscono erogazione di consulenza professionale né legale, ma solo attività di informazione. L’Associato (il Richiedente) è quindi espressamente ed esplicitamente tenuto a non basare le proprie azioni sulle consulenze e risposte ai quesiti posti e invitato ad approfondire le questioni trattate con professionisti di Sua fiducia. Assopiscine non si assume alcuna responsabilità per eventuali problemi o danni causati dalle risposte ai quesiti e dalle consulenze fornite e neppure per le conseguenze negative che possa subire l’Associato (il Richiedente) che riferisca di essersi informato dalle risposte e/o notizie ricevute.