Assopiscine risponde

Decreto “Rilancio Italia”: l’acquisto di una centralina da parte di un albergo o condominio al fine di monitorare e mantenere i parametri chimici di sanificazione, rientra nella tipologia di credito di imposta?

AssoPiscine 23 aprile 2020, 4:30
Domanda estesa:
In riferimento al nuovo Decreto ‘Rilancio Italia’, chiediamo cortesemente se l’acquisto di centralina da parte di un albergo o condominio, per il monitoraggio ed il mantenimento dei parametri chimici in ambito di protocollo di sanificazione come da Linee Guida emesse dalla Conferenza Stato Regioni, può rientrare in qualche tipologia di credito di imposta.

Il Decreto Rilancio ha attribuito i seguenti Crediti di Imposta:

Ora riteniamo che la discriminante per poter arrivare ad una risposta al quesito debba essere:
1) Sono un soggetto giuridico che ha diritto al credito di imposta?
2) Sto sanificando o adeguando un ambiente di lavoro?
3) Sto acquisendo la centralina per il monitoraggio dei parametri chimico-fisici dell’acqua di piscina che in assenza del Covid non sarei tenuto avere?
In estrema sintesi, rispondo ai requisiti previsti dagli art. 120 e 125 del Dl.34/2020?
Crediamo quindi che la risposta non possa essere univoca e possa variare in base alla situazione concreta a cui si riferisce e alla Regione in cui si applicherebbe, essendo spesso diverse le disposizioni legislative cogenti e debba essere analizzata, seguendo le domande sopra riportate, caso per caso.

Disclaimer

Assopiscine precisa che le risposte ai quesiti, seppur elaborate con estrema attenzione e diligenza da parte dei Suoi professionisti, non costituiscono erogazione di consulenza professionale né legale, ma solo attività di informazione. L’Associato (il Richiedente) è quindi espressamente ed esplicitamente tenuto a non basare le proprie azioni sulle consulenze e risposte ai quesiti posti e invitato ad approfondire le questioni trattate con professionisti di Sua fiducia. Assopiscine non si assume alcuna responsabilità per eventuali problemi o danni causati dalle risposte ai quesiti e dalle consulenze fornite e neppure per le conseguenze negative che possa subire l’Associato (il Richiedente) che riferisca di essersi informato dalle risposte e/o notizie ricevute.