Assopiscine risponde

COVID-19: è pericoloso fare il bagno in piscina?

AssoPiscine 23 aprile 2020, 4:30
Domanda estesa:
È pensabile che con l' attuale situazione fare il bagno in piscine, ad uso pubblico o condominiali, possa essere pericoloso? Un natante emetterebbe nell' acqua muco, bava e sudore; uscendo dalla vasca trascinerebbe liquido che si spargerebbe sui piani astanti dove altri calpesterebbero. L' abituale trattamento chimico per la disinfezione può ritenersi sufficiente?

La risposta al quesito posto, che per il nostro settore è di fondamentale importanza, crediamo determinerà in maniera sostanziale: nell’immediato la possibilità dell’utilizzo delle piscine che ricadono nell’ambito pubblico ( classificazione da A a C secondo Accordo stato regioni 2003 e Normativa UNI 10637) e in prospettiva il futuro di questi settori di attività.

Allo stato attuale, anche da quanto riportato da autorevoli enti pubblici di sorveglianza e tutela sanitaria che riportiamo a margine in questa risposta, non vi sono evidenze di trasmissione del Virus Covid – 19 attraverso l’acqua di piscina. Sia la diluizione molto forte della concentrazione virale che avverrebbe in acqua, sia la presenza del cloro attivo, pongono delle condizioni che, come avviene per altre tipologie di virus, auspicabilmente dovrebbero condurre ad una inattivazione anche del Covid-19 o almeno ad una sua difficile propagazione in termini di diffusione del contagio. Come anche per ogni altro tipo di inquinamento microbiologico, il rispetto inoltre delle buone prassi di igiene nell’ambiente piscina ( doccia prima dell’immersione in vasca, pulizia delle mani e dei piedi, utilizzo previo dei servizi igienici, cuffie contenitive dei capelli, ….) contribuiscono a ridurre ogni apporto di carica microbica e virale e quindi occasione di potenziale contagio.

Non secondario è anche il tema della sanificazione delle superfici esterne presenti in piscina e il tema del distanziamento delle persone che la frequentano, all’interno dello specchio d’acqua come all’esterno: come Assopiscine siamo tra i promotori e partecipanti ad un tavolo di lavoro con le autorità sanitarie per definire le più opportune linee guida, tali da garantire la sicurezza sia sul tema della balneazione in senso stretto, sia delle misure applicabili per ridurre al minimo il rischio di contagio per i frequentatori delle strutture natatorie. https://www.nea.gov.sg/our-services/public-cleanliness/environmental-cleaning-guidelines/guidelines/ frequently-asked-questions Quesito n. 22 https://www.cdc.gov/coronavirus/2019-ncov/php/water.html

Disclaimer

Assopiscine precisa che le risposte ai quesiti, seppur elaborate con estrema attenzione e diligenza da parte dei Suoi professionisti, non costituiscono erogazione di consulenza professionale né legale, ma solo attività di informazione. L’Associato (il Richiedente) è quindi espressamente ed esplicitamente tenuto a non basare le proprie azioni sulle consulenze e risposte ai quesiti posti e invitato ad approfondire le questioni trattate con professionisti di Sua fiducia. Assopiscine non si assume alcuna responsabilità per eventuali problemi o danni causati dalle risposte ai quesiti e dalle consulenze fornite e neppure per le conseguenze negative che possa subire l’Associato (il Richiedente) che riferisca di essersi informato dalle risposte e/o notizie ricevute.