Assopiscine risponde

Come deve essere verificato il castello di supporto della tavola di un trampolino esistente e montato a uso di piscina presente in luogo pubblico?

AssoPiscine 23 aprile 2020, 4:30
Domanda estesa:
Viene chiesto come debba essere verificato il castello di supporto della tavola di un trampolino esistente e montato a uso di piscina presente in una scuola militare(luogo pubblico). Considerato che l'asse del trampolino verrà sostituito con altro nuovo e certificato con le prove previste dalla UNI 13451-10 tipo 1 (2000N da 4000mm di altezza), viene chiesto quali debbono essere i carichi da utilizzare per verificare la struttura in acciaio di supporto dell'asse. L’ipotesi è utilizzare i carichi statici della UNI EN 13451-1 per il solo supporto considerando il carico posizionato a 10 cm dal bordo terminale dell'asse e trasferendo le dovute azioni sui punti di ancoraggio. Per la migliore comprensibilità del contesto viene accluso schema grafico.

Risposta

Considerato che l’asse del trampolino di nuova installazione possiede le certificazioni previste, la questione si riverbera sulla struttura di sostegno del medesimo.
Detta struttura (rappresentata nello schema grafico messo a disposizione) sarà stata sicuramente oggetto di adeguata progettazione che l’avrà resa idonea ad assorbire i carichi statico/dinamici che l’utilizzo dell’impianto genera e che vengono trasferiti su di essa attraverso i supporti di ancoraggio dell’asse.
Tutto quanto sopra considerato si condivide l’ipotesi formulata di utilizzare i carichi statici di cui alla UNI EN 13451-1 riferendoli al solo supporto di ancoraggio; analogamente viene condivisa, per il calcolo, la posizionatura del carico a 10 cm dal bordo terminale dell’asse, per poterne determinare gli effetti sui punti di ancoraggio.

Disclaimer

Assopiscine precisa che le risposte ai quesiti, seppur elaborate con estrema attenzione e diligenza da parte dei Suoi professionisti, non costituiscono erogazione di consulenza professionale né legale, ma solo attività di informazione. L’Associato (il Richiedente) è quindi espressamente ed esplicitamente tenuto a non basare le proprie azioni sulle consulenze e risposte ai quesiti posti e invitato ad approfondire le questioni trattate con professionisti di Sua fiducia. Assopiscine non si assume alcuna responsabilità per eventuali problemi o danni causati dalle risposte ai quesiti e dalle consulenze fornite e neppure per le conseguenze negative che possa subire l’Associato (il Richiedente) che riferisca di essersi informato dalle risposte e/o notizie ricevute.