Assopiscine risponde

Codici ATECO per manutenzioni nel periodo COVID-19

AssoPiscine 23 aprile 2020, 4:30
Domanda estesa:
Quali sono i codici ATECO per poter uscire per manutenzioni nel periodo di restrizione causa COVID-19?

I riferimenti dei codici ATECO per effettuare le manutenzioni, interventi tecnici o installazioni sono inseriti nel DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI del 10 aprile 2020, pubblicato sulla G.U. del 11 aprile 2020 al n. 97 “Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull’intero territorio nazionale”.

Il proprio codice ATECO si evince dalla visura camerale della C.C.I.A.A. nella voce attività. Il codice di riferimento per la maggior parte della nostra categoria è il 43.2 “Installazione di impianti elettrici, idraulici e altri lavori di costruzioni e installazioni”. Un’altro codice ATECO di riferimento è il 81.2 “Altre attività di pulizia e disinfezione” dove si possono effettuare operazioni di pulizia e manutenzione di piscine.

Pertanto si possono effettuare gli interventi inseriti nel codice 43.2 con le dovute prescrizioni che si possono riassumere nei seguenti punti:

  1. Dotare il proprio personale con gli idonei e certificati DPI allo scopo di tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori (guanti, occhiali, visiere, maschere facciali filtranti, scarpe, ecc.);
  2. Dotare di mascherine con certificazione CE modello FFP2;
  3. Dotare di guanti in lattice monouso;
  4. Predisporre il modulo della dichiarazione del Datore di Lavoro per lo spostamento dalla residenza del dipendente fino alla sede dell’azienda;
  5. Predisporre il modulo di autocertificazione sbarrando la casella “comprovate esigenze lavorative” eventualmente accompagnandolo con la visura camerale dell’Azienda dove si evince il codice ATECO;

Ed infine è consigliabile avere anche una e-mail del Committente dove viene specificato il motivo dell’intervento di manutenzione.

Disclaimer

Assopiscine precisa che le risposte ai quesiti, seppur elaborate con estrema attenzione e diligenza da parte dei Suoi professionisti, non costituiscono erogazione di consulenza professionale né legale, ma solo attività di informazione. L’Associato (il Richiedente) è quindi espressamente ed esplicitamente tenuto a non basare le proprie azioni sulle consulenze e risposte ai quesiti posti e invitato ad approfondire le questioni trattate con professionisti di Sua fiducia. Assopiscine non si assume alcuna responsabilità per eventuali problemi o danni causati dalle risposte ai quesiti e dalle consulenze fornite e neppure per le conseguenze negative che possa subire l’Associato (il Richiedente) che riferisca di essersi informato dalle risposte e/o notizie ricevute.