Assopiscine risponde

Ci sono informazioni circa la deroga della presenza obbligatoria di assistente bagnati per piccole piscine di agriturismi, alberghi, B&B, nelle varie normative regionali ove fosse prevista, e le eventuali casistiche previste dalle stesse norme?

AssoPiscine 23 aprile 2020, 4:30
Domanda estesa:
Ci sono informazioni circa la deroga della presenza obbligatoria di assistente bagnati per piccole piscine di agriturismi, alberghi, B&B, nelle varie normative regionali ove fosse prevista, e le eventuali casistiche previste dalle stesse norme?

Purtroppo si conferma che la Regione Veneto non ha normato la materia e quindi la presenza dell’assistente bagnanti è oggetto di esame all’interno dell’autocontrollo.
Ovvero all’interno del documento deve essere prevista la voce “assitente bagnanti” e si valuta quali azioni di prevenzione abbia messo in atto il gestore per prevenire il rischio annegamento.
Ci possono essere vari scenari:

– prevedere un assistente bagnanti nelle ore di punta;
– prevedere un sistema di sorveglianza (es. telecamere collegate ad un pc continuamente sorvegliato o prevedere che nella vasca non siano mai meno di due persone di cui uno adulto);
– prevedere che sia presente nella struttura sempre una persona dedita al primo soccorso. Meglio se la vasca ha profondità non superiore ai 140 cm.
Naturalmente prevedere l’opportuna cartellonistica e informazione ai clienti del tipo di sorveglianza messa in atto dal gestore.

Commissione Tecnica Assopiscine

Disclaimer

Assopiscine precisa che le risposte ai quesiti, seppur elaborate con estrema attenzione e diligenza da parte dei Suoi professionisti, non costituiscono erogazione di consulenza professionale né legale, ma solo attività di informazione. L’Associato (il Richiedente) è quindi espressamente ed esplicitamente tenuto a non basare le proprie azioni sulle consulenze e risposte ai quesiti posti e invitato ad approfondire le questioni trattate con professionisti di Sua fiducia. Assopiscine non si assume alcuna responsabilità per eventuali problemi o danni causati dalle risposte ai quesiti e dalle consulenze fornite e neppure per le conseguenze negative che possa subire l’Associato (il Richiedente) che riferisca di essersi informato dalle risposte e/o notizie ricevute.