Assopiscine risponde

Chiarimenti in merito alle detrazioni per sostituzione impianto filtrante in piscina annessa a un’abitazione

AssoPiscine 23 aprile 2020, 4:30
Domanda estesa:
In una piscina è in corso una ristrutturazione che non prevede opere murarie e pertanto non necessita di alcuna autorizzazione comunale o comunicazione CIL/SCIA/CILA in quanto viene sostituito solamente l'impianto filtrante (pompa saracinesche, inserimento di collettore, domotica di controllo, etc. finalizzato ad una ottimizzazione della gestione della chimica ed un risparmio energetico in quanto la pompa è a velocità variabile). Da più parti viene indicato che la sostituzione dell'impianto filtrante/pompe etc. della piscina è assimilato ad un’opera di ristrutturazione che gode delle detrazioni fiscali (50%?) ed anche dell'IVA ridotta (10%?) con la limitazione dei beni significativi. Viene chiesto di conoscere sotto quale lettera (a. b. c. ...) deve essere collocato l’intervento in questione dovendo sottoscrivere l’apposito generico modulo.

Trattasi di un intervento effettuato su una piscina annessa ad una abitazione.
La manutenzione così descritta con sostituzione integrale di impianto e nuova pompa diversa dalla precedente appare di manutenzione straordinaria e pertanto riguarda la lettera b) dell’articolo 31 della Legge 457 del 1978. 

Allego la seguente documentazione:

  1. Guida alle ristrutturazioni edilizie 2018 Agenzia delle Entrate
  2. Articolo di Sandro Cerato su interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria
  3. Articolo 31 Legge 457/1978 con definizione degli interventi di manutenzione

Disclaimer

Assopiscine precisa che le risposte ai quesiti, seppur elaborate con estrema attenzione e diligenza da parte dei Suoi professionisti, non costituiscono erogazione di consulenza professionale né legale, ma solo attività di informazione. L’Associato (il Richiedente) è quindi espressamente ed esplicitamente tenuto a non basare le proprie azioni sulle consulenze e risposte ai quesiti posti e invitato ad approfondire le questioni trattate con professionisti di Sua fiducia. Assopiscine non si assume alcuna responsabilità per eventuali problemi o danni causati dalle risposte ai quesiti e dalle consulenze fornite e neppure per le conseguenze negative che possa subire l’Associato (il Richiedente) che riferisca di essersi informato dalle risposte e/o notizie ricevute.